Cart 0

Licia Granello. Dietro ogni grande donna, c’è sempre un grande sentimento

“Il Gusto delle donne”, appena uscito per Rizzoli, omaggio a venti signore che fanno grande il made in Italy alimentare, è il nuovo libro di Licia Granello. «Volevo che emergesse il legame sentimentale che le donne hanno con il cibo. Il libro è nato da un atto di affetto e stima». Conosco personalmente Licia Granello. Mi è simpatica, la considero donna d’intelligenza veloce, amabile, non banale: “Alle donne della mia vita, con amore” è la…

Continue reading

Il Maestro Martino da Como, cuoco sopraffino

Tanto per capirsi: tutto il chiacchierare che si fa in Italia intorno alla tavola dei grandi chef, non è antropologia da XXI secolo. Nulla si crea, nulla si distrugge e per comprendere il significato sociale (storico?) del cucinare “ad alti livelli” (in tutti i sensi che questa espressione contiene) bisognerebbe guardare al Rinascimento. Maria Cristina Magni, detta Ketty, brianzola e autrice di diversi romanzi, lo ha fatto: è entrata nella vita di Maestro Martino da…

Continue reading

Gli Inzuppati. Cinque cuochi per una Gazza

Roma, quartiere Testaccio, mercato di frutta, verdura, frattaglie & varie. ATTO I – Angolo 1 «Signorì che se magna qui? Ma che è la pubblicità per un novo ristorante?» «Oh ragazzo! Che zuppa stai a fa’?» «Zuppa di quinto quarto» «Ah bbellomio, ma quello non è quinto quarto. Aho semo romani de frattaje ne capimo…mi’ madre ne capisce! Ma quanno è pronta ‘sta zuppetta?» Dopo venti minuti di borbottii all’orecchio, di critiche del popolo affamato,…

Continue reading

Faraona alla diavola

Ricetta di Marzio Africh cuoco dell’Osteria di Fonterutoli 1 faraona ruspante di 1,2 kg 50 gr di salvia, timo, rosmarino, menta, nipitella (tritati finemente) 5 g di peperoncino in polvere sale e pepe olio extra vergine d’oliva DOP Fonterutoli Preparazione: Eviscerare la faraona, tagliare le zampe, il collo e la punta delle ali. Con l’aiuto di un coltello per disossare staccare lo sterno dal petto facendo attenzione che lo stesso rimanga intero. Procedere nello stesso…

Continue reading

Scuochi. Prendetelo per il naso

«Tom!» Nessuna risposta. «Tom!» Silenzio di tomba. «Che cosa starà mai combinando quel benedetto ragazzo?! Tom!» Questo brano è tratto da Le avventure di Tom Sawyer, di Mark Twain, il libro di letteratura per ragazzi più amato da Mauro Uliassi. E Tom è stato (e forse ancora è) l’eroe della sua infanzia: uno che si salvava sempre dai guai, anche i più terribili. «Tom aveva culo. E anch’io ne ho avuto nella vita, forse perché…

Continue reading

Gourmet 3.0

Una guida senza voti per viaggi di gola fuori dagli schemi. Da un paio d’anni il vocabolario gastronomico italiano si è arricchito di una nuova parola. È in inglese. Perché si sa che, certe espressioni riferite ad una tendenza di mercato, trovano sintesi migliore nell’idioma anglosassone che del marketing è il regno. La parola in questione è Foodie, che è anche un concetto e sta lentamente erodendo lo spazio all’altra parola straniera mutuata dai cugini…

Continue reading

Tagliata marinata alle erbe

Ricetta di Marzio Africh della Tagliata marinata alle erbe cuoco dell’Osteria di Fonterutoli (dosi per 4 persone) 1 kg di controfiletto di manzo di razza chianina sale, pepe Per la marinatura 100 gr di olio extra vergine d’oliva Fonterutoli 25 gr di salvia, timo, rosmarino, maggiorana e menta tritati al coltello Preparazione: Disporre su un tagliere il pezzo di controfiletto e tagliarlo in quattro parti così da porzionarlo. A questo punto disporre su un vassoio…

Continue reading

La Chianina dalle stelle alle stalle

  Fino alla bonifica operata dagli ingegneri idraulici del Granduca Leopoldo di Toscana, la Val di Chiana non era che una vasta palude dall’aria malsana. Alla metà del XIV secolo fu iniziata la bonifica della regione, la cui sistemazione, durata oltre quattro secoli, fu attuata mediante lo scavo di un complesso sistema di canali. Nel contempo furono progettate e costruite le caratteristiche case coloniche dalla forma quadrangolare e dal curioso rialzo della torre colombaia. Il…

Continue reading

Siena è un Ricciarello

Se ogni luogo fosse riconducibile a un cibo, di sicuro Siena sarebbe un Ricciarello. I dolci tipici della tradizione senese conosciuti in tutto il mondo, hanno origini lontane, una leggenda alle spalle e, all’inizio, un nome diverso. Secondo una storia popolare, nel XIV secolo un nobile senese, che di nome faceva Ricciardetto della Gherardesca e aveva combattuto nelle crociate, tornato nel suo castello vicino a Volterra portò con sé la ricetta di dolci morbidi e…

Continue reading

La Schiacciata con l’Uva, figlia della vendemmia

Reperto alimentare di un tempo in cui il concetto di gusto e di cultura del cibo era strettamente legato (se non condizionato) all’imperativa legge di dover fare di necessità virtù. Figlio dell’indigenza del popolo minuto, quello che in età feudale stentava a nutrirsi, estromesso com’era dalla catena nutrizionale di feudatari, vassalli, valvassori e accoliti oppure già al tempo abitudine alimentare che arrivava da un’età ancora più remota? La regola di qualsiasi ricerca storica impone il…

Continue reading

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi